A Quick Overview Of Crypto Denominations

Unità di Criptovalute Più Importanti: Breve Panoramica delle Denominazioni di Criptovalute

Reading time

Le valute fiat come dollaro, euro, peso e rupie hanno un’unità principale e una sottounità frazionaria. Di solito i paesi dividono la loro unità principale in 100 sottounità, con il risultato di due cifre decimali. Le criptovalute, invece, utilizzano più sottounità, generando confusione sulla terminologia e sul valore relativo. La crescita significativa dell’adozione delle monete digitali rende fondamentale la comprensione del sistema di denominazione delle criptovalute.

Questo articolo analizza le denominazioni di criptovalute di alcune valute digitali popolari e fornisce una chiara comprensione del sistema di denominazione delle criptovalute. 

Punti Chiave

  1. Le unità di criptovalute sono misure di valore standardizzate.
  2. Le unità delle valute digitali possono contribuire a colmare il divario tra la tradizionale valuta fiat e gli asset digitali.
  3. Proprio come le valute più popolari, altcoin come Stellar Lumens o Cardano utilizzano denominazioni uniche.

Unità e Denominazioni di Criptovalute

Le unità e le denominazioni delle criptovalute sono misure di valore standardizzate per gli asset digitali, simili al dollaro negli Stati Uniti o all’euro in Europa. Esistono due tipi principali: unità di base e unità derivate. 

Le unità di base sono la misura primaria del valore di un asset digitale, come Bitcoin (BTC) in Satoshi o ETH in Wei. Le unità derivate sono misure secondarie di valore basate sulle unità di base di un asset digitale, ad esempio 1 BTC equivale a 100.000.000 di satoshis e 1 ETH equivale a 10^18 wei. Consentono di misurare quantità maggiori di un asset digitale senza utilizzare troppe unità di base.

Le denominazioni sono nomi alternativi per le unità di criptovaluta, come l’unità più piccola di Bitcoin, i satoshi, i millibitcoin o i microbitcoin. Possono aiutare a colmare il divario tra la tradizionale valuta fiat e gli asset digitali, a evitare problemi di precisione e a semplificare le operazioni matematiche.

Al fine di capire meglio le unità di criptovaluta, dobbiamo anche rispondere alla domanda: “che cos’è un token decimale?”.

I decimali indicano la divisibilità di un token e vanno da 0 a 18. Vengono visualizzati sullo schermo come numero di cifre dopo la cifra decimale. 

Unità di Bitcoin

Bitcoin, la più grande criptovaluta per capitalizzazione di mercato, ha affrontato efficacemente questioni chiave come la doppia spesa e la decentralizzazione, spingendo gli asset in criptovalute verso il riconoscimento popolare.

Bitcoin (BTC) utilizza un sistema simile alle convenzioni di denominazione del sistema metrico per la maggior parte delle sue unità di denominazione, ma l’unità più piccola, nota come satoshi, non ha un equivalente metrico.

BTC può essere suddiviso in otto cifre decimali.

Esistono diverse denominazioni di BTC e relativi valori, tra cui algoritmo max, megaBTC, kBTC, decaBTC, bitcoin, deciBitcoin, centiBitcoin, milliBTC, microBTC, Finney e Satoshi. 

Nonostante ciò, convertire i satoshi in BTC è diventato più rischioso a causa dell’aumento di prezzo. Alcuni hanno proposto standard di denominazione alternativi per rappresentare più chiaramente le denominazioni di Bitcoin, come lo standard Satcomma e l’ibrido BTC-Satoshi. Queste alternative evidenziano la sfida unica di comunicare nomi, valori e denominazioni delle criptovalute, ma nessuna delle due ha ottenuto un’adozione diffusa.

Ogni taglio ha un valore diverso ed è utile per scopi diversi, quindi è fondamentale utilizzare il taglio giusto per il valore che stai misurando.

Da BTC a sats

Allora, cos’è il Satoshi? I satoshi, o sats, sono la più piccola unità di misura della rete Bitcoin. Il termine è stato coniato nel 2010 da Ribuck, un utente di BitcoinTalk, in onore di Satoshi Nakamoto, il creatore di Bitcoin. I sats sono cruciali nell’ecosistema di Bitcoin, in quanto dividono BTC in tagli convenienti, rendendoli più accessibili al pubblico. I sats funzionano in modo simile ai centesimi e vengono utilizzati anche per pagare le commissioni di mining di Bitcoin, garantendo transazioni veloci e flessibili. 

I satoshi equivalgono a cento milionesimi di un singolo BTC (0,00000001 BTC). Dati 100 milioni di satoshis in un BTC, anche investimenti modesti possono tradursi in un significativo possesso di satoshi, assicurando agli individui con risorse finanziarie limitate la possibilità di partecipare al mercato delle criptovalute. I satoshi svolgono inoltre un ruolo fondamentale nel mercato delle criptovalute, misurando i movimenti di prezzo dei bitcoin e consentendo ai trader di seguire i movimenti di prezzo più piccoli.

Da BTC a Finney

La community ha proposto di chiamare il secondo taglio di Bitcoin più piccolo in onore di Hal Finney, l’informatico che ha ricevuto la prima transazione di Bitcoin da Satoshi Nakamoto. Un Finney è un’unità di Bitcoin che rappresenta 0,001 BTC, quindi equivale a 10 Satoshis, ovvero 0,0000001 BTC. 

Hal Finney, un cypherpunk e un pioniere dell’adozione di Bitcoin, è stato il destinatario della prima transazione Bitcoin di Satoshi Nakamoto. Nel 2009 ha fatto conoscere al mondo il Bitcoin, che al suo apice è diventato un asset da mille miliardi di dollari. 15 anni dopo, la U.S. Securities and Exchange Commission ha approvato il primo exchange-traded fund (ETF) su Bitcoin.

Il termine semplifica le discussioni e la determinazione dei prezzi per le piccole quantità di Bitcoin, rendendo le transazioni più comprensibili e rendendo omaggio al ruolo significativo di Finney nella storia delle criptovalute.

centiBitcoin, milliBTC, microBTC e così via

Moltiplicato per dieci, 1 Sats diventa un Finney, seguito da microBitcoin, milliBitcoin, centiBitcoin, deciBitcoin e infine Bitcoin.

La tabella delle denominazioni di Bitcoin sotto riportata indica le misure comunemente utilizzate, che vanno dal massimo algoritmico all’importo più piccolo (Satoshi). 

The BTC denomination chart

Unità di Ethereum

ETH utilizza un sistema metrico di denominazioni di Ethereum, ciascuna con un nome unico, come unità di base. Il taglio più piccolo, Wei, è l’unità di base. Ether designa anche un’unità monetaria, 1e18 o un quintilione di Wei. È importante notare che Ethereum non è una valuta o un’unità.

La criptovaluta di Ethereum, l’ether (ETH), può essere suddivisa in 18 cifre decimali: la più piccola è ‘wei’, equivalente a 10^-18 ETH e prende il nome dal crittografo Wei Dai. Il più grande è “gwei”, 9 cifre decimali comunemente utilizzato per i prezzi del gas della rete Ethereum. Il più piccolo è ‘Shannon’, 9 cifre decimali, soprannominato così in onore di Claude Shannon, un esperto di crittoanalisi. Il più vicino a ‘pwei’ è 0,001 Ether, che prende il nome da Hal Finney, il primo destinatario di Bitcoin.

Le unità di Ethereum hanno nomi alternativi basati su figure influenti tra le criptovalute. Ad esempio, gwei potrebbe chiamarsi Shannon in onore di Claude Shannon, matematico e crittografo americano. La convenzione di denominazione di Ethereum è un cenno alle figure fondatrici, simile a come le banconote da 100 dollari presentano immagini di Ben Franklin e quelle da 5 dollari di Abraham Lincoln.

Qui di seguito puoi trovare un grafico che rappresenta le unità di ETH, compresi i nomi alternativi.

ETH denomination chart

Gwei vs Wei

Prima di tutto, spieghiamo che cosa significa wei.

Il nome “Wei” è stato dato a questa unità atomica in onore di Wei Dai, il cypherpunk che ha inventato il primo progetto di rete di criptovalute alla fine del 1998.

Wei è l’unità più piccola di Ether nella rete di Ethereum. Serve come unità fondamentale per le microtransazioni e consente agli utenti di effettuare transazioni anche di piccole frazioni della popolare criptovaluta. Wei può essere ulteriormente suddiviso in unità più piccole, come Kwei, Mwei e Gwei, ognuna delle quali ha uno scopo unico. 

Gwei, abbreviazione di Gigawei, rappresenta un miliardo di unità Wei e viene utilizzato per le commissioni di gas, ovvero le spese sostenute per l’esecuzione di smart contract o altre transazioni sulla blockchain di Ethereum. Il meccanismo delle tariffe di Ethereum è stato riformato nel 2021 per fornire maggiore trasparenza e prevedibilità nel calcolo delle tariffe del gas, garantendo la sicurezza della rete e incentivando i minatori a convalidare le transazioni. 

La conversione tra Wei e Gwei è un processo semplice, in quanto è possibile dividere una quantità di Wei per un miliardo. Per convertire i Wei in ETH, bisogna dividere la quantità di Wei per 10^18, poiché un Ether è composto da 100.000.000.000.000.000.000 Wei.

Unità di Altri Token

Anche altre criptovalute e altcoin come Stellar Lumens (XLM), Cardano (ADA) e Binance Coin (BNB) hanno denominazioni uniche. Vediamo alcune di esse. 

La valuta nativa di Stellar Lumens è XLM e l’unità più piccola è uno stroop (7 cifre decimali). 

La valuta nativa di Cardano, ADA, ha un sistema di denominazione unico. L’unità di base è un Lovelace, dal nome di Ada Lovelace, e 1 ADA equivale a 1.000.000 di Lovelace. Cardano ha anche due unità più piccole, il micro-Lovelace (uLOV) e il nano-Lovelace (nLOV). Il sistema di denominazione di Cardano è stato progettato per rappresentare tutti i valori senza punti decimali, rendendo più facile la comprensione dell’importo di cui si parla.

Binance Coin (BNB) è la valuta nativa di Binance Chain (BC) e Binance Smart Chain (BSC). È stata creata nel 2017 per pagare le commissioni di trading, quotazione e prelievo. 

Esistono due tipi di BNB: ERC-20 BNB e BEP2 BNB, creati sulla blockchain di Ethereum. Il BNB ERC-20 può essere utilizzato per pagare le commissioni sull’exchange di Binance, mentre il BNB BEP2 può essere utilizzato sull’exchange DEX di Binance. L’unità più piccola del BNB è nota come Jager (sei cifre decimali) e prende il nome dal manager di Binance in Telegram.

Un DOT è una criptovaluta nativa sulla blockchain Testnet Polkadot, una rete creata dalla Web3 Foundation per l’interoperabilità. I DOT di Testnet hanno 15 cifre decimali e seguono la convenzione SI, con un Femto come il più piccolo. 

Polkadot units

La struttura dei token Kusama cambia l’unità più piccola in 12 decimali e la chiama ‘Planck’ in onore di Max Planck, il padre fondatore della teoria quantistica. Le denominazioni più piccole includono ‘point’, ‘microdot’, ‘millidot’, ‘dot’ e ‘blob‘.

the Kusama token units

Gli stablecoin hanno l’obiettivo di avvicinarsi il più possibile all’asset sottostante per mantenere un valore stabile, e la maggior parte di essi ha 2 cifre decimali. Le blockchain di Tether e Tezos si riferiscono alle loro unità più piccole come ‘cents’, mentre USD Coin e Paxos (PAX), token conformi all’ERC20 e basati sulla blockchain di Ethereum, hanno 18 decimali.

Conclusione

Le denominazioni e le unità di criptovalute sono termini utilizzati per misurare gli asset digitali. Comprendere questi concetti può semplificare il loro utilizzo.

Le unità di criptovalute sono fondamentali per la funzionalità e l’adozione diffusa delle valute digitali, oltre che per sviluppare Central Bank Digital Currencies (CBDCs). Rendono il denaro virtuale pratico per le transazioni quotidiane e ne dimostrano la divisibilità e la scarsità.

Man mano che le valute digitali si evolvono, la comprensione e l’utilizzo delle unità di criptovalute e delle denominazioni delle monete diventa essenziale per espandere il loro ruolo e ispirare diversi investitori e banche centrali a rendere le criptovalute disponibili per un maggior numero di utenti in tutto il mondo.

Articoli recenti

How to integrate Bitcoin payment API
API di Pagamento Bitcoin: Come Sceglierle e Integrarle
Formazione 15.05.2024
PSP vs Payment Gateway: Which One is Best for You?
PSP vs Gateway di Pagamento: Quale Dovresti Integrare Nella Tua Attività?
Formazione 10.05.2024
Why Should You Accept Ethereum Payments in 2024?
Modi per Accettare Pagamenti in Ethereum nel 2024
Formazione 09.05.2024
Come Aggiungere Pagamenti in Bitcoin su un Sito
Formazione 06.05.2024