understanding deflationary tokenomics in crypto

La tokenomica deflazionistica è salutare per le criptovalute?

Reading time

L’economia monetaria è estremamente impegnativa in qualsiasi forma. Anche i sistemi monetari più piccoli e semplici devono affrontare sfide colossali per stabilizzare i tassi di cambio e il potere d’acquisto all’interno dell’economia. Naturalmente, il mondo delle criptovalute ha condiviso lo stesso problema fin dall’inizio, rendendosi conto che ogni moneta richiede pratiche economiche solide e ben studiate per stabilizzare la valuta. 

Oggi questa parte del settore delle criptovalute è chiamata tokenomics e divide effettivamente il mercato delle criptovalute in due sottotipi: criptovalute inflazionistiche e deflazionistiche. In questo articolo scopriremo il funzionamento interno di entrambe le strategie e determineremo se l’approccio tokenomics deflazionistico è davvero l’opzione migliore. 

Punti Chiave

  1. Le strategie inflazionistiche e deflazionistiche sono due aspetti essenziali della tokenomica delle criptovalute.
  2. La strategia inflazionistica è progettata per incoraggiare il trading, mentre la strategia deflazionistica è costruita per incentivare la detenzione di asset cripto.
  3. Il metodo deflazionistico è utilizzato dai progetti di criptovaluta che mirano a trasformare le loro monete in attività di investimento redditizie.

Che cosa sono le Tokenomics in Cripto?

Per comprendere veramente la natura delle criptovalute deflazionistiche e inflazionistiche, dobbiamo innanzitutto comprendere il concetto di tokenomics e il suo valore critico all’interno del regno delle criptovalute. La tokenomics è un campo giovane creato poco dopo la nascita delle criptovalute. Regola e definisce praticamente ogni aspetto dell’economia dei token, dall’offerta, l’utilità e i mezzi di distribuzione dei token alla conservazione del valore a lungo termine.

main aspects of deflationary tokenomics

La tokenomica è fondamentale per ogni progetto di criptovaluta, in quanto determina gli incentivi e i fattori che spingono la domanda dietro ogni moneta emessa. La tokenomics determina il potenziale ricompensa delle scommesse, l’entità dei rendimenti, i meccanismi di bruciatura dei token, l’offerta limitata rispetto all’offerta illimitata e i piani di allocazione. Queste variabili determinano la domanda di token, in quanto ognuna di esse determina i valori diretti e indiretti di ogni criptovaluta.

Ogni creatore di criptovalute pone l’accento su aspetti diversi delle utilità della criptovaluta. Alcuni progetti puntano tutto sull’offerta di ampie ricompense per le puntate, mentre altri danno la priorità alla distribuzione a lungo termine o ai metodi di masterizzazione. Non esiste un progetto oggettivo per creare una criptovaluta molto richiesta, poiché sono coinvolti numerosi fattori interni ed esterni. 

Criptovalute inflazionate e deflazionate

Le variazioni inflazionistiche e deflazionistiche delle criptovalute sono importanti per la tokenomics. Questi sottotipi determinano il modo in cui i token-crypto vengono distribuiti sul mercato e se offrono un’offerta crescente di monete o una decrescente. Entrambi i metodi hanno i loro meriti e dovrebbero essere considerati allo stesso modo quando si crea un nuovo progetto di criptovaluta. Ma prima di tutto, esploriamo la distinzione tra i due termini economici.

Differenza tra inflazione e deflazione nell’economia tradizionale

L’inflazione si riferisce generalmente a un aumento dell’offerta di denaro relativa ai rispettivi prodotti all’interno di un’economia isolata. La deflazione è il fenomeno opposto, in cui i prezzi di beni e servizi diminuiscono a causa di vari fattori. Per fare un rapido esempio, supponiamo che un paese, X, produca solo dieci automobili all’anno. La massa monetaria complessiva del paese X è di 100.000 dollari. 

Quindi, ogni auto vale attualmente 10.000 dollari. Se l’offerta di moneta aumenta a 150.000 dollari, il prezzo unitario dell’auto salirà a 15.000 dollari. Se invece accade il contrario e l’offerta di moneta fissa totale scende a 50.000 dollari, allora ogni auto varrà solo 5.000 dollari. Il primo scenario descrive l’inflazione, mentre il secondo illustra la deflazione. 

inflation vs. deflation

Sia l’inflazione che la deflazione possono essere positive o negative, a seconda delle circostanze. Tuttavia, entrambi i movimenti economici sono considerati dannosi a lungo termine, in quanto un prezzo di mercato equo è sempre l’opzione migliore per la salute dell’economia locale e internazionale. Una rapida inflazione è principalmente negativa perché riduce il potere d’acquisto e arresta il progresso economico, mentre una rapida deflazione porta alla disoccupazione, a una diminuzione della spesa e ad altri effetti negativi. Pertanto, la moderazione è essenziale in questo caso. 

L’approccio inflazionistico alle criptovalute

Il principio inflazionistico dei progetti di criptovalute non è dissimile dal classico concetto di inflazione, che prevede un aumento graduale dell’offerta di token. I progetti inflazionistici possono avere un’offerta massima fissa di token o una distribuzione di token totalmente illimitata. Entrambi gli approcci hanno i loro meriti, anche se un’offerta fissa è molto più semplice da controllare per quanto riguarda il valore dei token. Dopo tutto, non è facile preservare il valore di qualcosa di illimitato. 

how inflationary coins work

I progetti inflazionistici aumentano sistematicamente il volume di distribuzione dei rispettivi token. Ciò può essere ottenuto aumentando direttamente le quantità di offerta o influenzando indirettamente le ricompense per il mining o lo staking. Quest’ultima strategia incentiva i minatori e i validatori ad aumentare i loro sforzi e a facilitare un volume maggiore di creazione di token. 

Le strategie inflazionistiche sono impiegate principalmente da progetti che si concentrano su offerte di pagamento peer-to-peer o altri servizi legati alle transazioni. I token delle criptovalute inflazionarie non richiedono commissioni di transazione elevate perché non si affidano ai servizi di minatori o stakers. Pertanto, sono una scelta perfetta come soluzione di pagamento quotidiana. 

Il metodo deflazionistico con criptovaluta

D’altra parte, le criptovalute deflazionistiche impiegano vari metodi per aumentare il valore dei loro token nel tempo. Esistono diversi modi per provocare una deflazione graduale. Un buon esempio è la procedura di combustione, che mette fuori circolazione diverse criptovalute. In pratica, il processo di combustione è piuttosto semplice. I creatori di progetti di criptovaluta si limitano a distribuire una parte della loro offerta totale a indirizzi di criptovaluta senza via d’uscita, che rimangono perennemente criptati per tutti.

how deflationary strategies boost the prices

Quindi, i token “bruciati” non esistono più in circolazione. Naturalmente, i proprietari delle criptovalute ricevono un compenso adeguato in cambio delle loro monete bruciate.

Un altro metodo comune è il dimezzamento, che consiste in vari modi per demotivare i minatori o gli staker a creare nuovi token di criptovaluta. Ad esempio, la valuta Bitcoin ha una procedura di dimezzamento che diminuisce effettivamente le ricompense per il mining dei token Bitcoin ogni quattro anni.

Per visualizzare questo processo, immaginiamo che Bitcoin fornisca attualmente 100 dollari ai minatori di cripto per ogni blocco di cripto prodotto. La procedura di dimezzamento ogni quattro anni ridurrà di fatto l’incentivo di 100 dollari a 50 dollari. Sebbene questo cambiamento non influisca linearmente sulla produzione di Bitcoin, è altamente proporzionale alla diminuzione dell’offerta.

Ci sono altri modi per garantire la graduale deflazione dei token, ma i metodi sopra descritti sono di gran lunga i più popolari sul mercato. Lo scopo principale delle strategie deflazionistiche è quello di garantire un aumento affidabile e costante del prezzo dei token in futuro. Di conseguenza, gli investitori saranno più motivati ad acquistare e detenere questi token per periodi a lungo termine. 

Differenze critiche tra i due sistemi

A parte il fatto che i meccanismi inflazionistici e deflazionistici sono polarmente opposti, ci sono diverse distinzioni chiave tra loro. Queste differenze devono essere studiate attentamente per comprendere gli effetti a catena di entrambe le strategie di tokenomics. Andiamo ad esplorarle. 

inflationary vs. deflationary tokenomics

Il flusso circolante

Prima di tutto, la differenza più evidente tra i due metodi è l’offerta in circolazione. I token inflazionari hanno un’offerta di monete esponenzialmente più alta, oppure non hanno alcun tetto. I progetti inflazionari non si preoccupano del prezzo e della valutazione complessiva perché mirano a facilitare le transazioni di criptovalute a basso costo e veloci in tutto il mondo. 

D’altra parte, i progetti deflazionistici puntano tutto sul valore delle loro monete. Questi progetti cercano di rendere preziosa la loro moneta per favorire una maggiore domanda. Mentre le monete inflazionistiche sono un mezzo per raggiungere un fine, le monete deflazionistiche sono considerate beni di valore intrinseco. Entrambi i sottotipi portano a risultati di circolazione diversi. I token inflazionistici sono facili da trovare e da transare sul mercato, mentre le monete deflazionistiche sono molto più scarse e difficili da recuperare.  

Il potere d’acquisto e il valore

Un’altra importante distinzione è il potere d’acquisto di entrambi i tipi di token. Le criptovalute inflazionistiche sono progettate per diminuire gradualmente il loro valore. Pertanto, detenere questi token per ottenere dei benefici non ha senso, perché nel lungo periodo avranno sicuramente un valore inferiore. Pertanto, le monete inflazionistiche sono destinate a essere acquistate e vendute per facilitare l’acquisto di beni e servizi in tutto il mondo. 

Al contrario, i token deflazionistici sono destinati a essere detenuti e utilizzati come materie prime, azioni e altri beni che si apprezzano. I token deflazionistici possono essere utilizzati per acquistare vari beni e servizi, ma il loro vero valore risiede nel loro graduale e orchestrato apprezzamento. Pertanto, il potere d’acquisto diminuirà generalmente con i token inflazionistici e quelli deflazionistici. 

Tuttavia, il mercato delle criptovalute è stato testimone di alcune strane deviazioni dalla regola sopra descritta. Alcune valute inflazionistiche potrebbero aumentare di valore a causa dell’aumento della domanda, nonostante la loro natura intrinseca. Dogecoin è un esempio perfetto di questo fenomeno. Al contrario, non è detto che i token deflazionistici aumentino di valore: sia Bitcoin che Ethereum sono deflazionistici ed entrambi hanno subito un drastico calo dei prezzi negli ultimi anni.

Possibilità di conversione

Infine, c’è da considerare la flessibilità di conversione di entrambi i sottotipi. Le monete inflazionistiche possono essere facilmente convertite in tipi deflazionistici, poiché è sufficiente bruciare, dimezzare o eseguire altri processi simili. Questo limiterà automaticamente l’offerta di monete e le renderà scarse per natura, aumentando il valore unitario di ogni moneta. 

Lo stesso non è fattibile con i progetti deflazionistici, in quanto hanno già dei tetti e dei limiti di offerta. Di conseguenza, i creatori di token deflazionari dovrebbero emettere ulteriori monete sul mercato. Anche se questo è tecnicamente possibile, non ha senso distribuire nuove monete nel mercato delle criptovalute in modo casuale. Pertanto, le valute inflazionistiche hanno una maggiore flessibilità per controllare la loro valutazione ed evitare temporaneamente scenari di iperinflazione.

L’approccio deflazionistico è superiore?

La natura deflazionistica degli asset cripto è intrinsecamente eccellente per gli investitori e i possessori di token. Questo meccanismo di tokenomics garantisce agli investitori di ottenere il valore dei loro soldi nel lungo periodo. A parità di condizioni, l’approccio deflazionistico dovrebbe essere infallibile e comportare una rivalutazione del prezzo dei token a causa della loro maggiore scarsità. Tuttavia, raramente tutte le cose sono uguali, poiché il panorama delle criptovalute è eccezionalmente volatile e subisce notevoli oscillazioni di prezzo. 

Sebbene la tokenomics deflazionistica funzioni efficacemente, numerosi altri fattori potrebbero far diminuire la valutazione complessiva delle monete. L’esempio più evidente è quello del Bitcoin, considerato principalmente deflazionistico a causa della sua offerta limitata e dell’evento di dimezzamento che si verifica ogni quattro anni. Nonostante la sua crescente scarsità, il Bitcoin ha subito un calo di valore spettacolare negli ultimi cinque anni, passando da una valutazione di 70.000 dollari all’attuale prezzo di 37.000 dollari. 

BTC price fluctuation despite deflationary tokenomics

Il metodo deflazionistico non deve essere analizzato nel vuoto, poiché il valore dei token di criptovalute dipende da numerose altre variabili, tra cui la volatilità del mercato, le regolamentazioni, la domanda pubblica aggregata e le utilità tangibili dei token. Le tattiche deflazionistiche sono solo un singolo ingranaggio della macchina espansiva che detta i prezzi delle criptovalute. Tuttavia, si tratta in genere di una strategia favorevole se il progetto di criptovaluta mira a incoraggiare gli investimenti e le tendenze ribassiste verso le proprie monete.

Un approccio deflazionistico può essere molto efficace, ma funziona solo se altri fattori favoriscono una determinata criptovaluta.

Fatti in breve

Conviene investire in token deflazionistici?

Come sottolineato in precedenza, il fatto che i token siano deflazionistici potrebbe non giustificare il loro graduale apprezzamento. Molte monete deflazionistiche non sono riuscite a raggiungere questo obiettivo negli ultimi anni. La semplice verità è che la maggior parte dei settori delle criptovalute è ancora troppo volatile per facilitare adeguatamente la tokenomica deflazionistica. Anche se questo meccanismo funziona nella pratica, vari fattori economici, politici e normativi potrebbero sfalsare pesantemente la metrica apprezzata. 

Quindi, un token presumibilmente deflazionistico potrebbe diminuire di valore, andando contro le aspettative degli investitori entusiasti. Un altro fattore importante è la manipolazione umana. Come discusso in precedenza, la maggior parte delle monete deflazionistiche sono progettate per essere opportunità di investimento redditizie. Non sono costruite per essere utilizzate per acquistare beni e servizi. Pertanto, lo scopo dell’acquisto di monete deflazionistiche è il loro potenziale rendimento nei periodi successivi. 

Naturalmente, i trader e gli investitori “balena” sono motivati a spingere artificialmente i prezzi nella direzione da loro preferita poiché potrebbero potenzialmente ricavarne profitti. Pertanto, le monete deflazionistiche possono spesso essere vittime di vari schemi di manipolazione che influenzano l’equilibrio organico della domanda e dell’offerta del mercato. Anche se la crescita e la maturazione dell’industria delle criptovalute ridurrà sicuramente questi rischi, il clima attuale è ancora molto incerto e volatile a questo proposito.

Considerazioni finali

La tokenomica deflazionistica è eccellente per il mercato delle criptovalute se applicata e utilizzata correttamente. Questo metodo garantisce un graduale apprezzamento del prezzo di un determinato token, consentendo agli investitori di avere aspettative affidabili per gli asset crittografici che decidono di detenere. Tuttavia, è fondamentale ricordare che altri fattori, come la generale volatilità delle criptovalute, le varie flessioni economiche, le restrizioni normative e così via, potrebbero compensare gli effetti deflazionistici. Pertanto, se stai pensando di investire in criptovalute, la tokenomica deflazionistica non dovrebbe essere l’unico fattore decisivo per la tua scelta finale.

Domande frequenti

La deflazione fa bene alle criptovalute?

La deflazione è principalmente positiva per i possessori di criptovalute, in quanto aumenta il valore di ciascuna moneta. Tuttavia, la deflazione potrebbe anche portare a effetti negativi all’interno del settore, causando una minore liquidità dei mercati e una diminuzione dei volumi di scambio.

Quali sono i potenziali vantaggi dei token deflazionistici?

I token deflazionistici generalmente aumentano di valore nel tempo. Pertanto, le monete deflazionistiche sono ottime opzioni di investimento per gli investitori in criptovalute. Tuttavia, è importante analizzare attentamente altri aspetti della tokenomica delle criptovalute oltre alla loro natura deflazionistica.

Quali token sono deflazionistici?

Il BTC è sia inflazionistico che deflazionistico. Tuttavia, il tetto massimo di distribuzione di 21 milioni di monete e l’evento di dimezzamento ogni quattro anni fanno propendere per uno status deflazionistico del token BTC. Altri esempi degni di nota sono Binance coin, Tamadoge e XRP.

Articoli recenti

Getting Ready for The Highly Anticipated FMPS 2024
Bringing Our Payment Solutions To The Finance Magnates Pacific Summit
10.06.2024
Suiting Up For Crypto Discussions at The Massive Token 2049
Token 2049 Singapore is Around The Corner – Here Are Our Plans
10.06.2024
B2BinPay Suits Up for Money Expo India 2024!
B2BinPay is Good to Go at Money Expo India 2024! 
05.06.2024
Cloud Mining - The New Way to Earn Bitcoin Mining Rewards
B2BinPay v20 – Miglioramento delle Funzionalità con il TRX Staking e un Supporto più Ampio per la Blockchain